image_pdfimage_print

La Fondazione Portici Campus lunedì 4 novembre nel Galoppatoio Reale della Reggia borbonica, sede del Dipartimento di Agraria dell’Ateneo Federico II, ha presentato  la XV edizione dell’evento Portici meta del Turismo Scientifico in Campania.

La manifestazione scientifico-culturale si concluderà il 10 dicembre.

Introdotto dal dottor Giorgio Matteucci dell’ISAFOM, il dottor Provitera ha coordinato e moderato gli interventi dei tre scienziati che operano sul territorio porticese che hanno dato il via alla fase convegnistica di Portici meta del Turismo Scientifico in Campania.

I  ricercatori presenti, Erlisiana Anzalone dell’ISAFOM | Istituto per i SISTEMI Agricoli e Forestali del Mediterraneo – CNR, Francesco Nugnes,dell’ISP | Istituto per la Protezione Sostenibile delle Piante – CNR Fabrizio Formisano dell’Enea | Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile – CNR, hanno illustrato il prodotto dei loro studi, traducendolo in un linguaggio scolastico, accessibile a tutti.

Erlisiana Anzalone si occupa dello studio e dell’analisi dei processi fisici, chimici e biologici che determinano il funzionamento e la dinamica degli agro-ecosistemi negli ambienti a clima mediterraneo. Le sue ricerche tendomo al miglioramento quali-quantitativo delle produzioni, per l’ottimizzazione dell’uso delle risorse naturali, e per la valorizzazione delle funzioni dei sistemi agricoli e forestali, nonché la previsione degli impatti e delle risposte degli ecosistemi agrari e forestali alle pressioni antropiche e climatiche.

Le ricerche di Francesco Nugnes vertono principalmente sulle tematiche riguardanti il controllo biologico e integrato degli insetti dannosi alle colture agrarie e forestali, in particolare della biosistematica e filogenesi di insetti parassitoidi e relativi ospiti. Si tratta di un approccio multidisciplinare: studi morfologici, morfometrici e biologici. Questi ultimi interessano il complesso di ospiti, le modalità riproduttive, l’identificazione e la localizzazione di organismi simbionti associati alla riproduzione asessuata degli imenotteri, l’analisi filogenetica molecolare e l’analisi cariologica.

Le attività di ricerca di Fabrizio Formisano includono i sistemi per la visione e l’olfatto artificiale, sistemi multisensoriali intelligenti per prove e monitoraggio nei settori aeronautici, alimentare, ambientale, diagnostica medica. È questo il caso di SNIFF, il nuovo studio dell’ENEA che va oltre la funzione di un semplice “naso” elettronico, riuscendo a realizzare vere e proprie mappe odorifere che consentono rapide diagnosi mediche di alcune patologie.

I desk informativi dei ricercatori allestiti nel Galoppatoio Reale resteranno aperti al pubblico tutti i giorni fino a venerdì 8 novembre dalle ore 9 alle ore 13.

La mattinata, resa vivacissima dal vociare degli studenti delle Primarie – oltre 30 le presenze registrate tra docenti,alunni e cittadini interessati –  si è conclusa  con una merenda per i bambini e i ragazzi e dolci e coffee break per tutti.

La bella atmosfera che si è creata è stata contrappuntata dall’ottima musica del Bizzarro trio.

Il taglio ufficiale del nastro della manifestazione scientifico-culturale avverrà lunedì 11 novembre.

Nel prossimo appuntamento porteranno i saluti istituzionali il sindaco di Portici Vincenzo Cuomo, i sindaci dei Comuni vesuviani che hanno condiviso il progetto, il vicepresidente della Regione Campania, onorevole Fulvio Bonavitacola, il vicepresidente del Consiglio Regionale, senatore Tommaso Casillo.

Interverranno al dibattito il professor Matteo Lorito, direttore del Dipartimento di Agraria dell’Università Federico II di Napoli, nonché presidente del Comitato Scientifico, il direttore dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno del Ministero della Sanità, dottor Antonio Limone, il dottor Ezio Terzini, responsabile ENEA Portici, il professor Paolo Masi per il CAISIAL, il dottor Rosario Savino per la società medica SIPNEI, il dottor Umberto Bernardo per il CNR-IPSP, la dottoressa Stefania Grillo per il CNR-IBBR, il dottor Giorgio Matteucci per il CNR ISAFOM e il dottor Andrea Scaloni del CNR ISPAAM.

Saranno inoltre presenti i dirigenti scolastici delle scuole aderenti al progetto. Tra i partner paraistituzionali il dottor Eugenio Gervasio, direttore del MAW | Museo del Vino, Annamaria Visconti della Fondazione Napoli 99 e per l’iniziativa La Scuola adotta un monumento, il Liceo scientifico Filippo Silvestri e la professoressa Linda Gallo.

Il progetto della Fondazione è volto alle scuole di ogni ordine e grado dell’area vesuviana. Portici Meta del Turismo Scientifico in Campania in particolare vuole valorizzare i centri di ricerca del territorio, portando a conoscenza di tutti il grande attrattore culturale e scientifico della città. Inoltre, vuole volgere un occhio attento alla formazione dei giovani studenti, struttura portante di una rete che in futuro comprenderà anche le imprese.

La Fondazione Portici Campus è nata per dar vita e rappresentare un vero e proprio Distretto Scientifico, dove il punto di forza è proprio la multidisciplinarietà delle sue componenti. Il fine è utilizzare il prodotto della ricerca e le innovazioni tecnologiche per creare sviluppo economico, sociale e culturale dell’intera area vesuviana e della Campania.

La manifestazione Portici Meta del Turismo Scientifico in Campania vuole soprattutto favorire l’approccio degli studenti al mondo scientifico con una serie di iniziative originali che consentano interazione, cooperazione e integrazione tra scuole, centri di ricerca e territorio. In breve, l’intento è costituire una rete che veda l’Amministrazione comunale proporsi come soggetto attivo in questa sinergia. Una iniziativa che si sta trasformando in una bella realtà: sono sempre di più gli esperti, gli studenti, gli appassionati che raggiungono la Città diretti verso i centri di ricerca scientifica presenti sul territorio.

Con Portici Meta del Turismo Scientifico in Campania la Fondazione Portici Campus, di concerto con l’Amministrazione Comunale ed il sostegno della Regione Campania – partner istituzionale della Fondazione Portici Campus – intende valorizzare la fruizione pubblica dei beni culturali del territorio a partire dalla Reggia insieme ai suoi Giardini e il Galoppatoio Reale, senza tralasciare le Ville Vesuviane del Miglio d’Oro, il Museo Ferroviario Nazionale di Pietrarsa e il Porto Borbonico del Granatello.

 

Fonte: http://www.lospeakerscorner.eu/portici-sempre-piu-meta-del-turismo-scientifico/